Velo e violenza/ sul femminile

Il post di ieri, che avvicinava Heidi e Barbie attraverso un comune riferimento al velo islamico, anticipa un tema oggi in agenda, della politica e forse dei media. Nessuna campagna tra blogger, mi sembra sia stata prevista. Come per i monaci intendo. A me dispiace molto. Invito le mie amiche blogger a rifletterci, invece*.
Oggi è una giornata nazionale di mobilitazione contro la violenza sulle donne, che assume volti molto differenti: dalle botte e dall’omicidio, dentro o fuori la famiglia, alla violenza sessuale fino alle forme più sottili e profonde di violenza simbolica. L’idea è che tutte queste forme di violenza rivolte specificamente al femminile, a quello che il femminile rappresenta nel mondo, siano strettamente connesse, si sostengano a vicenda. Ognuna di esse ci dovrebbe far rabbrividire. Non occorre arrivare all’annientamento della vita, seppur questo sia l’esito più terribile, se non altro per la sua irreversibilità.

cinema-donne.jpg

Sottolineo oggi il tema della violenza contro il femminile attraverso un film di una regista libanese di cui ho letto stamattina su Alias (articolo di Silvana Silvestri in occasione degli Incontri di cinema e donne di Firenze). Il film è Dunia, girato in Egitto e uscito nelle sale europee nel 2006 (in Francia sicuramente), la regista è Jocelyn Saab, libanese che vive tra Parigi e Beirut. Il film in Egitto è stato visibile nelle sale una sola settimana, poi è stato ritirato (malgrado le code ai botteghini) e la regista minacciata e condannata a morte dalle donne, in quanto il film è contro la mutilazione femminile (l’escissione, che riguarderebbe il 97% delle donne egiziane) che è una tradizione tramandata dalle donne. Donne contro donne, come forma suprema della violenza sul femminile.
Il film, che ha per protagonista una giovane attrice egiziana, star di film commerciali, racconta la storia di una ragazza che attraverso lo studio della danza si riappropria del proprio corpo, attraverso la danza e l’amore. La regista racconta su Alias che la stessa attrice ha vissuto profondi cambiamenti durante le riprese ma, appena terminate, è comparsa in televisione velata a rinnegare il film e la regista, a dire che il cinema deve essere velato. La regista libanese conclude la sua intervista con un giudizio molto lapidario sul velo: “più la donna è velata, meno libertà c’è in giro per il mondo”. Ovviamente, aggiungo, non è il velo in sè, ma il velo trasformato, che da una mera tradizione vestimentiaria diventa un vero e proprio strumento simbolico del controllo del corpo e del sentire femminile.

dunia_poster.jpg

Il film è disponibile in dvd (in arabo con sottotitoli in francese, inglese e tedesco, per 22 euro), e un trailer si trova su YouTube, e dopo il ritiro dalle sale egiziane è circolato in Internet dove è stato visto da 4 milioni di persone. Questo post vuole anche essere un piccolo promo commerciale. Perchè registe come la Saab possano continuare a lavorare.

*PS: mi aspetto un post almeno da laura, chiara e valentina (e forse giulia, se è veramente tornata…). Solo per restare entro il mio blogroll al femminile. E’ un obiettivo minimo, insomma.

Annunci

5 Responses to “Velo e violenza/ sul femminile”


  1. 1 Lapilli novembre 26, 2007 alle 4:42 pm

    Ciao Roberta,
    ho lasciato un commento a Laura in merito…lì c’è una spiegazione sul mio silenzio.
    La seconda ragione riguarda il delirio lavorativo di questi giorni dal quale emergerò-forse- il giorno di Natale 😉

  2. 2 Roberta Bartoletti novembre 29, 2007 alle 2:55 pm

    @ Chiara: Ho letto e dissento.

    Così come dissento dalla posizione del tipo “non bisogna dedicare una giornata alle donne e dimenticarsene per tutto l’anno” a cui segue il silenzio.

    Sono d’accordo, una giornata dedicata a un tema è una scemenza, ma non capisco perchè quando una tale scemenza è dedicata ai burma o a quello che vi pare funziona, quando si tratta della violenza sul femminile fanno tutti i sofisti.
    Significa che il tema è irrilevante. Ecco quel che significa. Oppure che è talmente cruciale che è meglio fare finta di niente.

    Per questo, per tutte queste cose: sono molto molto arrabbiata. Furente.

  3. 3 giulia dicembre 3, 2007 alle 1:54 am

    Con molto ritardo… ma ho risposto. Di questi tempi se riesco a fare un post a settimana è tanto. Ma i miei pensieri sono molto vicini a queste tematiche.


  1. 1 Violenza contro le donne. C’entra anche l’immaginario « L’incertezza creativa Trackback su novembre 25, 2007 alle 2:18 pm
  2. 2 per nessun motivo al mondo vorrei essere maschio… « i confini della comunicazione Trackback su dicembre 3, 2007 alle 1:44 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




DasBuch

Flickr Photos

Creative Commons License
Immagini e testi in questo blog, ove non specificato diversamente, sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: