maglietta rossa la trionferà

9765.jpg

non è né una minaccia né una previsione politica. è l’inno* della squadra di rugby di Treviso, Tarvisium 69, con cui Marco Paolini apre il suo documentario sul rugby. Inno che, al di là della politica, tutti hanno cantato da quando la squadra è nata, nel lontano 1969. Perché, dice Paolini, “il rugby è più forte della politica”. Uno sport che può piacere se ami la terra, perchè ti ci trovi spesso a contatto, dice una giocatrice di rugby a Paolini. Programma strano, inedito, la cui visione consiglio vivamente. In diretta, visto che è proprio ora su la7. Della serie la tv può essere anche questo.

*Dimenticavo: la musica è ovviamente quella che immaginate.

Annunci

6 Responses to “maglietta rossa la trionferà”


  1. 1 faustotorpedine marzo 9, 2008 alle 5:15 pm

    ne ho visto un pezzo per caso e mi è piaciuto, come mi piacciono i documentari che parlano di persone e passioni e come mi piace Paolini che fa televisione.

  2. 2 sensingplace marzo 9, 2008 alle 9:29 pm

    mai la memoria delle cose è titolo più azzecato per questo blog

  3. 3 Lapilli marzo 9, 2008 alle 11:15 pm

    stupendo. Adoro Paolini e il suo documentario sul rugby mi è piaciuto tantissimo.
    Paolini mi ha fatto venir voglia di seguire questo sport. E’ un genio.

  4. 4 Roberta Bartoletti marzo 10, 2008 alle 12:04 am

    @lapilli: concordo, anch’io oggi ho colto il fascino del rugby, ho intuito che farebbe quasi bene alla salute

    @faustotorpedine: documentari che parlano di persone e di passioni, prendo nota per un futuro spero non troppo lontano.

  5. 5 deffe marzo 10, 2008 alle 7:28 pm

    Finalmente ho capito cosa è la mischia del rugby! grazie a te e a Paolini (concordo, è un genio. Ho linkato la Litania di Caproni cantata da lui- mi commuovo ogni volta che la sento). Ciao

  6. 6 s|a marzo 20, 2008 alle 10:34 pm

    Ho visto quell’Album d’Aprile di Paolini, come ai tempi avevo visto il Vajont, o Il Milione, o Ustica, Il sergente… Paolini è stato quello splendido, grandissimo raccontastorie di sempre. Lui era anche fra quelli che a Treviso, non molti giorni fa, ha ricordato alla città, al Veneto e all’Italia che i leghisti non hanno (ancora) fatto completamente terra bruciata.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




DasBuch

Flickr Photos

Altre foto
Creative Commons License
Immagini e testi in questo blog, ove non specificato diversamente, sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: