Archive for the 'autobiografia' Category

altri 40 anni di Manifesto

Leggo il Manifesto dal 1988, e sinceramente non voglio neanche immaginare un futuro senza il Manifesto.

Per i prossimi 40 anni. Solo in apparenza dalla parte del torto.

Bologna, 1991

julie

Sarà presto disponibile il nuovo libro di Giuliano Piazzi, Julie (Edizioni Quattroventi, Urbino 2009). Dopo e oltre Il Principe di Casador (prima edizione 1999).
L’immagine di copertina è il risultato dell’incontro tra Julie e la sensibilità di Annamaria Chiavelli.

ricordi di scuola

la parola “primo giorno di scuola” evoca in me ricordi un po’ tristini. era buio (ai miei tempi si cominciava in ottobre, mi pare) e non era una gran divertimento. ci andavo a piedi, girando intorno a un isolato. il cortile era tutto asfaltato, e bisognava aspettare l’estate per sentire il profumo dei tigli. avevamo il grembiulino, ma anche no. la disciplina non passava più per la stoffa, era più che altro un problema di protezione dallo sporco e dalle sbucciature.

mai avrei pensato che da adulta l’espressione “primo giorno di scuola” mi avrebbe depresso più di quanto mi accadeva da bambina. e non è certo colpa dei ricordi sfuocati dell’infanzia.

Inventario 2

tra le cose che mi ha lasciato mia mamma, ci sono alcune ricette. non tante, ma molto preziose.
le più preziose non erano scritte, si andava a memoria, a occhio e naso, per ogni ingrediente quanto basta e nel momento giusto. si cuoceva finché non era pronto.
fortunatamente mi sono messa di pazienza, e me le sono fatte scrivere. visto che si continuava a non capirci niente, me le sono fatte dettare, e aggiungevo le mie note nei punti più oscuri, sollecitando chiarimenti e precisazioni. il risultato è una decina di ricette di famiglia abbastanza affidabili nella descrizione, ma che non riuscirei a fare se non avessi assistito tante volte alla loro preparazione, spesso come lavorio in sottofondo a cui non prestavo particolare attenzione cosciente. se non conoscessi gli odori e i sapori. se non li sapessi riconoscere, quanto basta e al momento giusto.
oggi ho preparato la salsa verde cotta per il bollito, e pur avendo seguito alla lettera le istruzioni scritte e riscritte, ho dovuto annusare la pentola per capire se tutto andava bene. se gli ingredienti erano nella quantità giusta, e passate due ore di cottura prescritte dovrò usare tutti i sensi per capire se anche stavolta è andata bene.

oggi è la vigilia di Natale, vi regalo una delle ricette più preziose: il budino di riso della nonna Medea, classe 1908. era il budino di Natale per eccellenza, perchè veramente molto ricco, molto buono e molto laborioso, e difficile da far venire ad arte. non mi ci sono ancora attentata, io. forse il prossimo Natale.

Budino di riso
Ingredienti
1 litro di latte
1 etto di riso
1 e 1/2 di zucchero
1 e 1/2 di zucchero (per il caramello dello stampo)
3 uova
scorza di limone grattugiato

Mettere il riso a bagno per mezzora. Bollire il latte con metà zucchero e (il) limone grattugiato. Schiacciare il riso, farlo bollire con il latte. Quando il riso è cotto farlo raffreddare. Sbattere le uova, aggiungerlo nel riso e caramellare lo stampo. Mettere a bagno maria. Farlo bollire per 3 ore. (Nota mia: 1 ora e 30 sul fornello e 1 ora e 30 in forno).

Buon Natale

dscn0681

Inventario 1

Mia mamma faceva la sarta. Poi ha smesso. Non le piaceva neanche tanto. Però ha continuato a farmi dei vestiti, sempre con meno voglia, va detto. A un certo punto se andava bene mi faceva un orlo, come grande concessione. Faceva parte del suo percorso di emancipazione di ex sarta per forza, credo.
Tra le cose che mi ha lasciato ci sono migliaia di rocchetti di filo per cucire, di tutti i colori. Colori molto belli, che secondo me se vai a cercarli non ne trovi mica di così belli, in giro. Ormai è roba da antiquariato, i moderni direbbero modernariato. Per me, invece, sono proprio cose antiche.

Rocchetti di plastica, rocchetti di cartone. Filofort “Tre Cerchi ISC”, 1000 Yds: 914 Mt, N. 80 (giallo chiaro). Filofort 100 Yds: 91 Mt, Col. 532 (arancio becco d’oca). Col. 258 (rosa antico). Col. 478 (ruggine). N. 50 (verde), 300 Yds. Col. 436 (arancio carota). 559: azzurro grigio. Tra i miei preferiti: verde petrolio 377.

I cotoni da cucire sono tutti mescolati in tanti sacchetti, tutti ingarbugliati, intricati insieme a tante altre cose che con la sarta c’entrano, ma non sempre. Bottoni automatici, matasse di filo da ricamo, metri da sarta, fettuccine di vario tipo, grosgrain, modelli su carta trasparente e amenità varie. Un gran casino, insomma, che a districarlo ci si mette chissà quanto.

qui ci starà una foto, appena la scarico dalla macchina fotografica. eccola:

dscn0229

ciò che non può essere detto deve essere taciuto

ovviamente non è una frase mia, né merito mio averla ricordata. l’ho sentita giovedì, durante la lettura al MAMbo di Paolo Nori che tra le tante cose serie e profonde che ha detto ha tirato fuori Wittgenstein. da giovedì sera questa frase mi risuona nella testa, vorrà pure dire qualcosa.
è una verità che non ha parole che possano spiegarla, raccontarla. prendetela così. quel che non può essere detto deve essere taciuto.

chi ha paura degli associati?

Sono un professore associato, e sono rimasta stupita leggendo l’ennesimo articolo del prof. Giavazzi, che in occasione del decreto urgente di riforma delle commissioni di concorso esultava perché ai professori associati veniva impedito di far parte delle commissioni di concorso (di fare i commissari), perchè tanto essendo ricattabili… cito che così sono precisa:

Un vecchio trucco: gli associati devono ancora essere giudicati (per diventare ordinari) quindi sono facilmente ricattabili. E infatti a premere per estendere l’ eleggibilità ai più giovani erano gli anziani non gli stessi associati.

Io sono un associato, sarò rintronata ma non mi pare sia una mossa contro i baroni, semmai contro gli associati. Che saranno anche ricattabili, ma non necessariamente ricattati. Associati che, una volta in commissione, sarebbero anche capaci di intendere e di volere, quindi di valutare e argomentare. O diamo per scontato che non è così, e invece di riformare l’università facciamo semplicmente fuori gli associati dai concorsi? Bel sistema, davvero. E Giavazzi, ordinario, esulta? Mah, mi sa che ci prende in giro anche stavolta. Nessun professore associato a me noto ha esultato, saremo tutti rintronati, forse. Non capiamo che lo fanno (chi, poi?) per il nostro bene.
Fuor di ironia: in pratica ci hanno detto, cari colleghi, che siamo degli schiavi: in quanto non liberi, incapaci di esprimere una volontà, inutile darci potere di voto.
Ringrazio il prof. Giavazzi per la sua solidarietà dall’alto.

PS: so che è un piccolo problema interno (sembra), ma leggendo un post di FC mi è rimontato il nervoso, perchè anche questo è un sintomo di quanto NON si stia cercando di migliorare l’università pubblica, e di quanto si stia cercando, complici i media, di demolire l’università. Come se non bastasse, ci prendono pure quotidianamente in giro. E costruiscono una realtà dell’Università sopra la testa di chi ci vive e ci lavora, insegnando studiando e ricercando ogni giorno. Ora basta.


DasBuch

Flickr Photos

Altre foto
Creative Commons License
Immagini e testi in questo blog, ove non specificato diversamente, sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons