Archive for the 'memoria collettiva' Category

grandi madri operaie

Non ci sono parole per commentare il lavoro di Brian Griffin, sono troppo potenti le immagini.

Eccole (alcune).

Immagine

Woman Chainmaker, Cradley Heath, UK 2010.

Immagine

The Black Kingdom, 2013

Edith Griffin. Operaia di fonderia

Non solo grandi madri:

Immagine

La mostra è attualmente a Bologna, atterrata da Marte.

 

Annunci

memoradiofoniche

MEMORADIO è un progetto di radio 3, che festeggia il primo maggio con documenti sonori sul primo maggio, testimonianze di conquiste e di vite di lavoratori. radiodocumentari su mondine, lavoratori del marmo, della fabbrica, voci di sindacalisti, poeti e persino del papa.

la memoria della memoria

a cosa serve la giornata della memoria? a ricordare cosa? a ricordare di ricordare?
La giornata della memoria è una data europea, e come giorno è stato scelto quel 27 gennaio in cui vennero aperti i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, il giorno della liberazione del campo, della scoperta ufficiale e definitiva, della conta dei morti e dei sopravvissuti…
Oggi sul Manifesto si ricorda che forse la scelta della data implica un rischio, non solo quello di risolversi in una ulteriore commemorazione. A volte si commemora per dimenticare. In questo caso per dimenticare, o meglio rimuovere, le origini e l’inizio, ossia proprio quello che bisognerebbe ricordare per evitare che accada di nuovo. L’origine del nazifascismo, l’origine e le radici del razzismo. La giornata della memoria dovrebbe ricordarci di ricordare la storia (di studiarla), in modo da essere pronti, maggiormente pronti per il futuro.
Forse oltre a ricordare la liberazione del campo di Auscchwitz, sarebbe allora bene ricordare come tutto è cominciato, come è stato possibile. Per rintracciarne eventual tracce nefaste nel presente.

yo que soy americano/a

C’era una volta un cantautore americano, che scriveva ballate, e c’era una volta una canzone, intitolata This land is your land: questa terrà è la tua terra.

This land is your land, this land is my land
From California, to the New York Island
From the redwood forest, to the gulf stream waters
This land was made for you and me

C’era una volta la crisi del 1929, le file di disoccupati davanti agli uffici di collocamento, c’era una volta Woody Guthrie che, indignato dello stato di vita degli americani, dei più deboli e colpiti dalla crisi, negli anni ’40 scriveva questa canzone e queste strofe.
C’era una volta una strofa di questa canzone, che fu cancellata. Rimossa e dimenticata. Perchè osava ricordare cose che andavano dimenticate.

As I was walkin’ – I saw a sign there
And that sign said – no tress passin’
But on the other side …. it didn’t say nothin!
Now that side was made for you and me!
*

C’è oggi un vecchio cantante folk americano, un più giovane cantante rock americano e un ancora più giovane Presidente americano e questa strofa è stata nuovamente ricordata, e cantata ad alta voce al Lincoln Memorial, di fronte a migliaia di “you and me”.

In una terra in cui i governanti, di fronte alla crisi e alla sofferenza che la crisi annuncia alla gente reale, pensa soltanto di incatenare tramvieri ai loro sedili, alunni delle elementari ai loro seggiolini, tentando di far dimenticare a tutti la strofa più importante della canzone, io sogno di essere americana. No importa de que pais.

*Nelle piazze della citta
all’ombra del campanile
all’ufficio di collocamento
ho visto la mia gente
Mentre stavano lì affamati
io mi domandavo
se questa terra fosse fatta per te e per me.

E mentre camminavo
un cartello mi fermò
c’era scritto: “proprietà privata”.
Ma dall’altro lato
non c’era scritto nulla.
Questo lato è stato fatto per te e per me.

(traduzione e altri approfondimenti qui.

lingue ancestrali

A Parigi è in corso una non tanto bella mostra dal bellissimo titolo e su un affascinante tema: Terre natale. Ailleurs commence ici (Terra natale. L’altrove comincia qui). A cura del filosofo Paul Virilio e del fotografo Raymond Depardon.
Sono andata perché il decennale lavoro fotografico di Depardon sulla cultura rurale francese, sui paysans, mi affascina molto, e ha creato aspettative che sono state abbondantemente deluse.
La precedente mostra di Virilio, sempre alla Fondazione Cartier nel 2003, era stata un’esperienza significativa, nulla a che fare con questa seconda.
Terre natale si articola su tre lavori, due di Depardon –Donner la parole e Tour du monde en 14 jours – e uno di Virilio insieme a un collettivo di artisti. Parlo solo di Depardon, che è quello che mi ha irritato di più, sperando di ricordare le parole adatte a descrivere il mio disappunto. In Donner la parole Depardon ha costruito una serie di video dedicati a lingue in via di scomparsa, a causa della progressiva scomparsa dei popoli in cui sono incarnate: lingua quecha e mapuche degli indios del contintente sudamericano, ma anche lo stesso patois del sud della Francia. L’idea mi pareva fantastica – il tema sarebbe il radicamento nella lingua -, ma ne risulta uno sguardo osceno su mondi in via di scomparsa. Resta il valore delle parole (comprensibili dai sottotitoli) degli indios, dei contadini, degli isolani, che ci fanno capire come queste lingue ancestrali radicate alla terra non siano solo un patrimonio folclorico, ma un patrimonio di significati, sono le parole di un senso della vita che non si può esprimere altrimenti. E che scomparirà con i loro ultimi parlanti.

oggetti del mito

Il feticcio, nella sua accezione originaria, era un oggetto indigeno che inspiegabilmente non poteva essere scambiato. Non poteva essere alienato, non poteva essere ceduto ai mercanti portoghesi che arrivavano sulle coste africane agli albori dell’età moderna.
Difficile oggi raccontare queste storie, così lontane seppur ancora vicine. Difficile spiegare cos’è l’etnocentrismo, di cui crediamo di esserci liberati. Difficile raccontare oggetti e terre (e uomini) costruiti dal mito.
Per questi motivi, e tanti altri, ho fatto vedere ai miei studenti un brano di questo fantastico film.
Questo è il posto dove sognano le formiche verdi, che si ostinano a sognare proprio lì.

(continua…)

“C’è un modo migliore di fare le cose

Alcune di noi lo ricordano”. Così Anne Cameron, in apertura del suo libro Le figlie della donna di rame.
Mi è tornata in mente questa frase – e il suo significato – dopo aver letto del primo summit internazionale delle popolazioni indigene che si è tenuto nella sfortunata isola di Hokkaido, nel nord del Giappone. C’è un modo migliore di fare le cose, mi pare cerchino di dire al mondo le popolazioni indigene raccolte a Hokkaido, ospitati dalla popolazione locale Ainu. Voi ve lo siete dimenticati, noi ce lo ricordiamo, se solo voleste ascoltarci ve lo potremmo insegnare. Rapporto con la natura, con le risorse ambientali come si dice nel mondo occidentale, rapporto con i consumi.
Ne scrive Leonardo Pellegatta su Alias del 30 agosto. Vorrebbe essere il primo di una serie di post sul tema c’è un modo migliore di fare le cose. Così, per iniziare meglio di come si è conclusa la parte precedente della storia.
Bentornati.


DasBuch

Flickr Photos

Creative Commons License
Immagini e testi in questo blog, ove non specificato diversamente, sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons